Valutazione psicodiagnostica

1. Che cosa è?

LA VALUTAZIONE PSICODIAGNOSTICA è il processo di raccolta dati inerenti la storia personale e clinica e della sintomatologia di chi richiede l’intervento dello psicologo o comunque una consulenza. Nel caso si tratti di bambini (minori), il processo di valutazione psicodiagnostica è preceduto da un colloquio con i genitori volto alla raccolta di dati anamnestici (e, se presenti, di storia clinica del piccolo paziente) ed informazioni generali circa composizione del nucleo familiare, scuola, attività extra scolastiche, socialità, etc. In particolare, in sede di colloquio con i genitori viene posta molta attenzione sulla focalizzazione del problema e sulle aspettative che essi ripongono nella consulenza.
Il processo psicodiagnostico si avvale di diversi strumenti:
– Il colloquio
– L’osservazione clinica/neurocomportamentale
– La somministrazione di test

2. Quando è utile?

La valutazione psicodiagnostica è utile al fine di valutare la presenza di problematiche psicolgiche o psicopatologiche (ved. Disturbo del neurosviluppo, etc.) e di individuarne le principali caratteristiche in termini di punti di forza e di debolezza individuali (e dell’intero sistema familiare). Di fatto, il processo di valutazione psicodiagnostica è indispensabile sia per una diagnosi differenziale, sia per garantire la possibilità di definire un perimetro puntuale e clinicamente corretto per una presa in carico efficace del bambino e della sua problematica. La valutazione psicodiagnostica si configura come primo step indispensabile per la comprensione del problema, di come esso si manifesta, e dell’impatto che ha nella vita della persona e della sua famiglia. Lo psicologo, quindi, permette attraverso la sua valutazione un primo inquadramento della situazione e valuta come costruire una presa in carico specifica per quel bambino/ragazzo in quel contesto.

3. Costi e tempi

La durata dell’iter psicodiagnostico è di circa 5 incontri:
primo colloquio con i genitori,
3 incontri di valutazione del bambino/ragazzo,
un incontro di restituzione con i genitori e definizione del trattamento d’elezione per la situazione clinica in essere.
Il costo complessivo si aggira intorno ai 350/400 euro.

Va precisato che, se ritenuto necessario al fine di un inquadramento diagnostico specifico e ad un’analisi di determinati e fondamentali aspetti del funzionamento del paziente, lo psicologo si riserva la possibilità di predisporre, previa informazione ai genitori, un eventuale approfondimento diagnostico con strumenti specifici e quindi un invio al collega per un’ulteriore indagine circa aspetti specifici di pertinenza clinica dello stesso (logopedista, psicomotricista, neuropsichiatra, neuropsicologo)

Contattaci

Invia un email a info@studio3lucca.it o vieni a trovarci in Viale G.Giusti, 541 Lucca