Soddisfazione e gratificazione: acquisto impulsivo!

Lo vedi, fa proprio al caso tuo e lo compri!
Chi tra noi non è mai uscito soddisfatto da un negozio con quel vestitino che sembrava fatto apposta per noi, e con quel soprammobile che andava assolutamente comprato?
Buona parte dei nostri acquisti, è infatti costituita da acquisti impulsivi, ovvero acquisti che portiamo a termine mossi da diverse motivazioni.
Negli ultimi anni, con il consolidarsi dei pagamenti elettronici e con la crescita dell’ecommerce, è diventato ancora più semplice soddisfare la spinta ad acquistare beni di cui forse, razionalmente, si potrebbe fare a meno.

Ma che cosa è l’acquisto emotivo?

L’acquisto sulla base di una decisione emotiva in certe categorie merceologiche può rappresentare l’80% del totale delle vendite.
Rook & Gardner definiscono l’acquisto d’impulso come “un acquisto non pianificato, caratterizzato da una decisione presa rapidamente e un bias soggettivo che ci spinge al possesso immediato.”
L’acquisto impulsivo è generalmente più eccitante di un acquisto razionale.
Si tratta solitamente di acquisti imprevisti, a cui non riusciamo a resistere, edonisticamente complessi: la decisione che ci porta a concludere la transazione è così rapida che non riusciamo a valutare i parametri razionali quali l’utilità o la convenienza del bene che stiamo comprando.
Spesso il desiderio di una gratificazione immediata non ci fa prestare attenzione alle potenziali conseguenze negative della nostra azione.
Ci sono però anche altri fattori che ci rendono soggetti a certi tipi di comportamenti: gli aspetti culturali ne sono un esempio. L ’identità, le influenze normative, il controllo e la soppressione delle emozioni sono tutti elementi influenzati dall’ambiente socio-culturale nel quale siamo inseriti.

Cultura, società e acquisti impulsivi: quanto sono collegati?

Lo studio realizzato da Jacqueline J. Kacen della University of Illinois e da Julie Anne Lee della University of Hawaii-Manoa ha esaminato l’effetto delle differenze interculturali nel comportamento d’acquisto d’impulso.
Un vasto campione selezionato in Australia, Stati Uniti, Hong Kong, Singapore e Malesia è stato sottoposto ad interviste per determinare l’influenza dei fattori culturali sia a livello regionale (individualismo vs. collettivismoche a livello individuale (indipendenza vs. interdipendenza).
E’ stato rilevato come coloro che si trovavano nei paesi occidentali avessero una maggiore tendenza all’individualismo che gli portava ad avere una maggiore tendenza ad effettuare acquisti d’impulso rispetto a chi appartieneva ad un contesto più collettivista.
Inoltre all’intero nelle culture di tipo orientale si è dimostratoche si tende a moderare l’impulso ad acquistare con l’avanzare dell’età; mentre per gli occidentali la propensione al consumo non muta invecchiando.
Possiamo dunque affermare che la nostra tendenza ad acquistare beni impulsivamente è influenzata dalle nostre caratteristiche individuali, ma anche dalle nostre caratteristiche culturali.
Attenzione dunque perché il nostro modo di essere, unito al contesto in cui viviamo, può trasformarsi in un cocktail davvero pericolosissimo per la nostra economia familiare!
[contact-form-7 404 "Not Found"]